Maria Laura's
Shows

Gli spettacoli sono divisi in tre categorie : concerti-recitals , theatre e musical-theatre.

Dal 2004 ad oggi la maggior parte degli spettacoli interpretati e, in alcuni casi anche ideati, da Maria Laura, fanno parte della categoria concerti-recitals, in quanto la musica ha preso uno spazio molto più ampio e importante nel suo percorso .

La sezione musical-theatre è invece legata all’inizio della sua carriera … un viaggio durato circa quindici anni che le ha permesso di interpretare ( in italia, come anche in Europa ) i ruoli più belli del repertorio, prevalentemente americano, dei musicals più significativi del secolo passato.

Qualche salto estemporaneo nella prosa pura lo troverete citato nella categoria theatre.

” il mio mestiere è una scelta di passione e di vita, e col passare del tempo, mi rendo conto che quello che faccio corrisponde sempre di più a ciò che sono. Nel bene e nel male, è bello poter prendere la responsabilità delle proprie scelte… decidere cosa dire … “

Maria Laura's
Discography

Dal 2006 ad oggi tre sono i progetti discografici di Maria Laura Baccarini in binomio costante con il compositore/arrangiatore Régis Huby: “All Around”, “Furrow” ( a Cole Porter tribute ) e “Gaber, io e le cose”.  Tutti sotto l’egida dell’etichetta discografica Abalone Productions. Ma non dimentichiamo il bellissimo omaggio alla musica americana del XX secolo, «Nuit Americaine» nel quale Maria Laura condivide la scena con  Lambert Wilson e Stephy Haik . Gli arrangiamenti sono di Régis Huby. Cd e dvd editi da Harmonia Mundi- Chant du monde.

Una partecipazione nel cd di Claude Barthelemy «Lieder» , ne «La Machine couchée» di Régis Boulard e in «Concerto per un poeta» di Riccardo Biseo.

Quanto agli anni passati del musical ricordiamo le incisioni delle colonne sonore degli spettacoli di cui è stata protagonista:  « A chorus line » , « Il giorno della tartaruga », « Cabaret », « Stanno suonando la nostra canzone » e  « Promesse promesse ».

Maria Laura's
Music

Le parole sono “evocazione”… materializzano nella nostra mente qualsiasi concetto. Spesso, non ci rendiamo conto di quanto potere abbiano le cose che pronunciamo.

La musica ha una forza più sottile, si insinua, ci penetra e ci coglie di sorpresa… agisce su un piano irrazionale dove non incontra “le resistenze della ragione”…Quando musica e parole si incontrano si crea un miracolo sensoriale… poesia pura… senso compiuto.

Maria Laura's
Acting

Nella penombra della scena l’attore prosegue, senza intaccare minimamente l’ordine prestabilito. 
Avrebbe voglia di rovesciare tutto, di introdurre un’inversione, uno sfasamento, una confusione, una curvatura. 
Ma anche negli atti più insoliti la sua vita è un meccanismo perfettamente oleato. Qualche rara volta sembra che si riesca veramente a romperlo, una specie di magia. 
Per un istante il meccanismo regolato della scena si interrompe. A metà di una frase l’attore di arresta.

La sa a memoria questa parte che recita ogni giorno, ma forse questa sera si rifiuta di andare avanti. 
Gli altri personaggi si irrigidiscono col braccio alzato. La misura che l’orchestra aveva cominciato si prolunga indefinitamente.
 Bisognerebbe ora fare qualcosa, dire una parola, una parola qualunque che non sia scritta nel copione”. ( finale  “Polli d’allevamento” di Giorgio Gaber e Sandro Luporini )

  • N
  • W
  • E
  • S